Commercialisti “assediati” da sanzioni e imposte

Embed Code

La strada che il Governo vuol tracciare è quella di caricare di una maggiore responsabilità i commercialisti sollevando il contribuente dall’impegno del rapporto tributario con lo Stato. Rapporto che, secondo la Costituzione, non può essere trasferito ad altra persona e deve rimanere in carico allo stesso contribuente. E quindi fioccano sanzioni e imposte. Contemporaneamente l’Associazione nazionale commercialisti ha chiesto che i professionisti abbiano la possibilità di potersi assicurare.